Il CAF per le proprie “funzioni storiche” è stato identificato con l’attività di assistenza fiscale ai lavoratori dipendenti e pensionati per l’elaborazione delle dichiarazioni 730: è giunto il momento di evidenziare quali nuovi compiti il CAF lavoratori dipendenti e pensionati può e deve svolgere a seguito dell’emanazione delle recenti disposizioni legislative e regolamentari in materia di assistenza sociale e fiscale. Prima di entrare nel merito della questione è necessario chiarire che il ruolo che il CAF ha assunto in questo nuovo contesto legislativo, è quello di “soggetto certificatore”: il CAF attualmente svolge il ruolo di ‘garante’ del rapporto fiscale ed assistenziale tra la pubblica amministrazione ed i cittadini.

La riforma fiscale avviata con la legge 413/91 e proseguita con vari provvedimenti legislativi, tra i quali il Decreto Legislativo n° 241 del 9 Luglio 1997 ed il Decreto del Ministero delle Finanze n°164 del 31 Maggio 1999, ha modificato il rapporto contribuente-fisco: tale rapporto è attualmente ‘mediato’ dalla figura dell’Intermediario Fiscale, una struttura, quale il CAF, esterna all’amministrazione finanziaria che ha tra i suoi compiti l’elaborazione, la certificazione, l’invio telematico e la custodia di una copia delle dichiarazioni fiscali. In questa triangolazione fisco-intermediario fiscale – contribuente il CAF per lavoratori dipendenti e pensionati è chiamato a svolgere un compito importantissimo e fondamentale: il rilascio del visto di conformità che implica il riscontro della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze della relativa documentazione.

Questo nuovo ruolo sarà sempre svolto dal CAF in tutte quelle occasioni in cui lo Stato dovrà erogare delle provvidenze assistenziali in favore di alcune categorie di cittadini. Il CAF, oltre ai compiti svolti nell’attività di assistenza fiscale per le dichiarazioni 730 ed UNICO è il soggetto certificatore per diverse attività.

CAF Confimprese Italia: Pensionati e dipendenti. Istituiti dalla Legge 413/91, i centri di assistenza fiscale per le imprese hanno avuto la normazione definitiva nel Dicembre 1998 nell’ambito dalla più ampia riforma tributaria. L’attività dei centri si lega all’avvio dell’utilizzazione degli studi di settore quale nuovo strumento di parametrazione della fiscalità delle imprese.

Servizi File Telematici:Il Centro CAF autorizzato accede in quest’ Area per inoltrare al Sistema Centrale/Server NT, i File 730 Telematici, i File 730/4, i File 730 di Stampa. Il tutto viene classificato, catalogato e controllato automaticamente in base alle specifiche tecniche MinFin.

Stato Invii e Ricevute Telematiche:Il Centro CAF autorizzato accede Centrale accoglie i file sul Server NT, classificando, catalogando e controllando in base alle specifiche tecniche MinFin; accetta, accetta con errori, scarta, rilascia.

Aggiornamento Software Fiscale:L’ Area di aggiornamento software è a disposizione dei Centri CAF i quali accedono dopo identificazione e scaricano automaticamente gli aggiornamenti a tutti gli applicativi software 730/ICI/RED/ISEE.

Circolari Interne: Qui vengono inserite tutte le circolari interne di servizio che il Presidente e l’amministrazione del CAF rilasciano per le comunicazioni operative ai responsabili dei Centri CAF.

Domande e Risposte:Verranno catalogate tutte le domande e risposte ai quesiti inviate al Responsabile dell’assistenza fiscale del CAF in modo da fornire a tutti i Centri CAF il migliore supporto all’interpretazione della norma e dei comportamenti da tenere.

Servizi di Informazione:I Centri CAF autorizzati, accedono ai Servizi di consultazione della “Settimana Fiscale” l’informativa su fisco, Lavoro, Previdenza e lo scadenzario fiscale della settimana successiva.